risultato finale
risultato finale

Gnudi (o Malfatti) con burro e salvia

Tempi preparazione

Tempo richiesto:

un' ora

E' la prima volta che provo a preparare gli gnudi, ma ad esser sincera mi sono piaciuti molto, non posso dire che si tratti di un piatto leggero, ma sicuramente l'ho trovato molto gustoso!

Leggendo qua e la ho scoperto che gli gnudi sono di origine toscana, più precisamente delle regioni della Maremma e del Mugello, è un piatto tipico contadino, fatto di "ingredienti poveri", dall'aspetto decisamente rustico e pieno di sapore.

Uno gnocco...due nomi...

La parola "gnudo" vuol dire in toscano "nudo", ed è proprio questo che rappresentano questi gnocchetti, la storia infatti ci racconta che gli gnudi non sono altro che il ripieno del tortello toscano privato della pasta che lo avvolge! Da qui il termine "gnudi" senza vestito! A Siena invece li chiamano "malfatti" proprio per la loro forma irregolare e allungata fatta a mano.

Comunque li si chiamino questi gnocchetti sono deliziosi e personalmente trovo questi nomi molto carini :-D

Ma non perdiamo troppo tempo e corriamo a vedere come si preparano.

Ingredienti

Ingredienti per quattro persone
  • 700 gr di spinaci puliti
  • 200 gr di ricotta vaccina fresca
  • 70 gr di parmigiano grattugiato
  • 3 uova intere
  • qb farina (4/5 cucchiai)
  • qb noce moscata
  • 6 foglie di salvia
  • 60 gr di burro
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • qb sale
  • qb pepe

Procedimento:
lavate gli spinaci, puliteli eliminando la parte più dura del gambo e fateli lessare in poca acqua bollente salata con l’aggiunta dell’olio evo per circa 10 minuti. Scolate, fateli raffreddare e strizzateli per bene in modo da eliminare tutta l’acqua di cottura.
Passateli al minipimer o tritateli finemente col coltello e metteteli in una ciotola.
Unite agli spinaci la ricotta fresca (mi raccomando non usate quella tipo Vallelata o Santa Lucia, non perché non siano buone, ma perché serve una ricotta più asciutta e corposa in modo da avere una consistenza migliore degli gnudi), aggiungete il parmigiano grattugiato, le uova e la noce moscata, regolate di sale e pepe e mescolate gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungete qualche cucchiaio di farina affinché l’impasto non risulti troppo bagnato (io ne ho messi 5…dipende un po’ dalle dimensioni delle uova, dall’acqua della ricotta e da quanto avete strizzato gli spinaci!!!) regolatevi a seconda del composto ottenuto.
Con l’aiuto di due cucchiaini preparate gli gnudi, prendete un po’ di impasto, passatelo da un cucchiaino all’altro lavorandolo fino ad avere uno gnocco di forma leggermente allungata come mostrano le foto.
Io li ho preparati tutti mettendoli su un piano leggermente infarinato in modo che non si attaccassero.
Una volta pronti mettete sul fuoco una pentola con acqua salata e portate ad ebollizione. Versate gli gnudi uno alla volta, ma velocemente, e appena questi verranno a galla saranno pronti, quindi scolateli con l’aiuto di una schiumarola man mano che vengono in superficie.
In un pentolino fate sciogliere il burro, aggiungete le foglie di salvia (precedentemente lavate e asciugate) e fate sfrigolare per un minuto circa, o comunque fino a quando il burro inizierà a colorirsi leggermente.
Servite gli gnudi conditi con il burro e salvia e spolverati con del parmigiano.

About ceska81

Impara a cucinare, prova nuove ricette, impara dai tuoi errori, non avere paura, ma soprattutto divertiti. (Julia Child)
Close
Aiutaci a crescere!
Seguici sui social per non perderti nemmeno una ricetta!